Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Per continuare a navigare su questo sito clicca sul link Continua

SalisCuoredidiamante

Relazionandosi con le opere di Graziella Salis, si avverte immediatamente come alla semplicità degli impianti espressivi corrisponda una diretta proporzionalità al riguardo della profondità dei messaggi in esse contenuti.

Nell’articolato e caleidoscopico ventaglio delle proposte estetiche rilasciate dall’artista nativa di Arbus (il centro ubicato nel cuore della provincia del Sud Sardegna), si percepisce la pervadente presenza di un fil rouge atto a collegare l’intera gamma delle sue locuzioni pittoriche, frutto di approfonditi studi sulle religioni, sulle forme di vita esistenti al di fuori del nostro pianeta e sulla progressione evolutiva dell’essere umano.

Arte spirituale potrebbe essere definita quella di Graziella Salis, la quale indirizza il proprio focus sulla persona, intesa come la prova dell’esistenza di Dio, risiedendo quest’ultimo in ognuno di noi.

Se le religioni diffuse e strutturate (tanto intese sotto una prospettiva storica, quanto analizzate in una dimensione contemporanea) hanno condotto e tuttora tendono ad indurre l’uomo a concentrarsi su ciò che differenzia, introducendo e radicando continui elementi di separazione, le scansioni iconografiche di Graziella Salis veicolano e pongono in risalto quei messaggi di fratellanza e di unità insiti nella natura umana, quando priva di sovrastrutture.

Parafrasando il filosofo Arthur Schopenahauer, i suoi dipinti lacerano il velo di Maya che rende l’umanità prigioniera di false impressioni ed errate percezioni, così come già Platone sosteneva nel “Mito della caverna” (ossia credere che la realtà sia solo ed esclusivamente composta da ciò che le ombre proiettano sulle pareti della caverna stessa).

Forza cromatica ed intensità dei contenuti contrappuntano l’intera gamma dei lavori della Salis: solo così possono essere letti ed intesi pezzi come “Pioggia di Energia”, “La Fonte”, “Energia Ascensionale”, “Costellazione delle Pleiadi”, “Karma”, “Il Regno Minerale” (concetti e termini da lei scritti sempre con la lettera maiuscola per evidenziarne la precipuità e differenziarli dal nome comune generico), fino a “Cuore di Diamante di Madre Terra Gaia”, dipinto selezionato e premiato a Sestriere nell’ambito del contest internazionale “Vette d’Arte” 2018 e scelto ad emblema dell’arte del presente per il Calendario Artistico 2019 di Orizzonti Contemporanei – Alhena Editore.

Con un afflato coloristico oltremodo diretto, Graziella Salis ha il dono ed il merito, non solo di ricondurre alla spontanea semplicità concetti complessi, ma costella l’intera sua operazione creativa di elementi tendenti alla crescita dello spirito ed all’evoluzione umana, tracciando (o, meglio, disvelando) una strada già esistente, e che sta a noi sapere percorrere.

  • Biennale di Gattinara - gli artisti premiati

    Sabato 8 giugno ha avuto luogo presso Villa Paolotti la cerimonia conclusiva della Rassegna Artistica Internazionale «Biennale di Gattinara» e della Rassegna Letteraria «Rosso di Maggio».

    L’evento, curato da Orizzonti Contemporanei e da Alhena Editore sotto la guida del critico Enzo Nasillo, si è potuto avvalere di un comitato scientifico di prim’ordine, costituitosi appositamente per l’occasione e formato da docenti, giornalisti, scrittori ed esperti culturali, fra i quali Marisa Daffara, Silvia Ferrara, Monica Mazzei e Giuseppe Possa fisicamente presenti.

    Patrocinata dalla Ragone Piemonte, dalla Provincia di Vercelli, dal Comune di Gattinara e dall’AICS (Associazione Italiana Cultura e Sport), la Biennale ha plasticamente ospitato le proposte estetiche di 26 artisti della contemporaneità, i quali, provenendo da tutta Italia, ed in alcuni casi anche dall’estero, hanno, con i loro contenuti unici e le tecniche contrassegno ed appannaggio di ciascuno di loro, proposto un’arte in grado di intercettare le pulsioni dei tempi.

    Essi sono stati in ordine alfabetico Alberto Ballocca, Paula Ciobanu Mariut, Giovanna Ciquera, Mimmo Emanuele, Massimiliano Fabris, Roberto Ferrero, Irene Giglio, LM TurinModernArt, Sylvia Matera, MecArte (Ivana Guarini – Valter Rossero), Mario Menardi, Gigi Micheletti, Valentina Mihaylova, Maurì Regina Morra, Carla Musolino, Giuseppe Nobile, Maria Chiara Orlandini, Roberto Pestarino, Irina Petrovna, Silvia Rege Cambrin, Guillermina (Guikni) Rivera, Daniela Rosso (Prin), Doris Scaggion (Dorisca), Simonetta Secci, Michele Vasino, Antonio Zenadocchio.

    Ad arricchire la Rassegna le opere di Fabiana Macaluso e di Nicola Molino, due artisti selezionati per il Calendario 2019 di Orizzonti Contemporanei – Alhena Editore, i quali per la loro proficua e costruttiva attività creativa hanno ricevuto il Premio alla carriera.

    Contestualmente, Nicola Molino ha voluto donare la sua opera “Rose” (dipinto scelto per il bimestre di Maggio-Giugno del suddetto calendario) alla municipalità di Gattinara, comune conosciuto in tutto il mondo per l’omonimo vino.

    Per la Rassegna Letteraria «Rosso di Maggio» sono stati premiati Suyien Assandri, Cesare F. Carta, Iolanda De Mare, Silvia Ferrara, Adalgisa Steri, Maddalena Vacca (poesia singola), Giulia Ariganello, Nicola Molino (silloge), Mihaela Dana Chioariu, Daniela Ferrero (narrativa).

    Previsti da bando il voto della giuria popolare ed il voto social, Roberto Ferrero si è aggiudicato il primo con l’opera “Chinese Invasion of the World”, mentre “Nebkepherura” di Massimiliano Fabris ha conseguito il più alto gradimento su facebook.

  • Orizzonti Contemporanei è un'associazione senza scopo di lucro che ha come finalità la promozione della creatività sotto le sue diverse forme. Sostiene e supporta la cultura intesa come patrimonio umano condiviso e la diffonde attraverso la comunicazione,
    tanto per mezzo della carta stampata, quanto veicolandola tramite la rete.

    Cultura

    Editoria

    Rubriche

    Calendario 2019