Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Per continuare a navigare su questo sito clicca sul link Continua

Raffaello Sanzio - Francesco Maria della Rovere (part.)

Potrà essere visitata fino al prossimo 24 gennaio la Rassegna che vede in Raffaello Sanzio il fulcro attorno a cui ruota l’Esposizione allestita alla Reggia di Venaria Reale alle porte di Torino.

Per la circostanza sono arrivati dalle più rilevanti istituzioni museali italiane e straniere (dai Musei Vaticani al Residenzschloss di Dresda, dal Kunsthistorisches Museum di Vienna al Victoria and Albert Museum di Londra, dagli Uffizi di Firenze al Museo Internazionale delle Ceramiche di Faenza, dalla Galleria Nazionale delle Marche di Urbino ai Musei Civici di Pesaro, fino al Museo di Capodimonte di Napoli) non solo capolavori di colui che è stato uno dei più celebri artefici del Rinascimento italiano, ma anche opere rientranti fra le cosiddette “arti applicate”, come arazzi, maioliche, vetri, armature, intagli, monete, smalti, riconducibili a quello che è stato il mondo dell’urbinate in termini di colleghi, di commesse, di elaborazioni coeve o di poco successive, comunque sempre collegate alla sua arte.

Alla Mostra, inaugurata il 26 settembre, è previsto si aggiunga (proveniente dalla Pinacoteca Tosio-Marinengo di Brescia) anche il “Busto di un angelo” appartenente alla Pala Baroni ed eseguito da Raffaello intorno al 1500 non ancora diciottenne.

E pensare che il più famoso degli allievi del Perugino è stato tendenzialmente snobbato, per non dire sminuito, nel corso degli ultimi due secoli dal giudizio di eminenti studiosi come Bernard Berenson, Giovanni Battista Cavalcaselle, Jacob Burckhardt, Heinrich Wölfflin, Francesco Milizia, i quali (in pieno Romanticismo) gli imputavano freddezza espressiva e leziosità coloristica, accusando le sue figure non solo di carenza di drammaticità, ma addirittura di assenza emotiva.

Anche se Raffaello non è stato un artista di rottura, ma di continuità e perfezionamento (da lui portato all’ennesima potenza), il merito della Mostra di Venaria è quello di permettere di ammirare l’enorme influenza che egli ebbe su quelle che Vasari chiamava le arti “congeneri”, contribuendo a riposizionarlo fra i capisaldi della pittura mondiale, così come scriveva Federico Zeri che lo definiva “il più grande”.

Il Consigliere Gianni Feltri, Daniela Rosso (Prin), il Critico Enzo Nasillo ed il Sindaco Enrico Silvio Bertero

«La forma il colore l’armonia» è il titolo della Mostra personale che Daniela Rosso, conosciuta come Prin nel campo della pittura, ha allestito ad Acqui Terme dal 3 al 18 ottobre.

Il Comune dell’alessandrino le ha infatti riservato le sale espositive di Palazzo Chiabrera, all’interno delle quali l’artista di Torino ha avuto modo di proporre una rilevante parte della propria produzione ispirativa, fatta di lavori dalla connotazione tematica assai sfaccettata.

Al vernissage sono intervenuti il Sindaco Enrico Silvio Bertero ed il Consigliere Delegato Gianni Feltri.

Inaugurando l’evento, il dott. Enzo Nasillo, dinanzi ad un pubblico particolarmente attento ed interessato, ha spiegato il significato della Rassegna e le caratteristiche tanto dello stile quanto dei contenuti di una figura sempre più conosciuta nel campo artistico.

L’Esposizione è visitabile gratuitamente tutti i giorni della settimana dalle ore 16 alle 21,30. Il martedì ed il venerdì ci si può recare anche di mattino dalle 10 alle 13.

  • Orizzonti Contemporanei è un'associazione senza scopo di lucro che ha come finalità la promozione della creatività sotto le sue diverse forme. Sostiene e supporta la cultura intesa come patrimonio umano condiviso e la diffonde attraverso la comunicazione,
    tanto per mezzo della carta stampata, quanto veicolandola tramite la rete.

    Cultura

    Editoria

    Rubriche

    Calendario 2022